F i e r a d i m i l a n o .i t





 

Popolazione:5615
(2001)
Indirizzo: via Roma 4
Cap: 20040
Telefono: 0362/95002


 

   
Il Comune di Briosco confina con quelli di Giussano, Inverigo, Veduggio, Renate, Besana in Brianza, Carate Brianza. Il territorio è tipicamente collinare e ha le sue massime elevazioni sulla collina di Capriano (m 327 ) e sulla collina del Simonte (m 314). E’ attraversato da nord a sud dalla valle del Lambro e dal tracciato della superstrada Milano-Lecco-Colico.
Buona parte del territorio comunale rientra nei confini del Parco Regionale della Valle del Lambro. Le aree più interessanti dal punto di vista ambientale sono il tratto brioschese della valle del Lambro e la valle della Bevera, che conservano ampie zone di verde agricolo e di boschi. L’area boschiva più importante è quella detta della "Gagiada", che si trova appunto nella valle della Bevera, tra Briosco e Capriano.
Punti panoramici degni di attenzione si trovano sulla collina di Capriano, sulla collina del Simonte e presso la cascina Verana.
 

     Un po' di storia:

   
Non vi sono notizie certe su Briosco prima del Mille. Il borgo doveva essere sorto certamente prima di questa epoca, forse per iniziativa di un nucleo longobardo, e doveva essersi formato per aggregazione di alcune corti rurali attorno ad un centro fortificato costruito a guardia della valle del Lambro. Nel 1289 Goffredo da Bussero conta a Briosco ben quattro chiese, dedicate rispettivamente a San Vittore, Sant’Ambrogio, San Gregorio e San Maurizio. Briosco faceva allora capo, e fu così ancora per molti secoli, alla pieve di Agliate. Nel Medioevo è testimoniato a Briosco anche un insediamento femminile dell’ordine degli Umiliati. Di antica origine è anche la presenza di mulini nella località Peregallo, sicuramente documentata dal 1402, ma certamente più antica, dato che la località figura fin dal 1237 tra le proprietà del Monastero Maggiore di Milano. Nei secoli successivi, il territorio di Briosco, infeudato alla famiglia Crivelli, conobbe un modesto sviluppo grazie alle attività agricole e all’insediamento di alcune famiglie nobili, che qui costruirono le loro residenze; tra queste si ricordano i Porro Lodi, gli Andreotti, i Medici di Marignano, gli Annoni, i Casanova e i Trivulzio. Nel 1898, dopo secoli di anonimato, Briosco salì agli onori della cronaca nazionale per la solidarietà che i giornali cattolici italiani manifestarono a favore di numerose famiglie di contadini brioschesi minacciati di sfratto da alcuni proprietari terrieri.
Attorno alla metà dell’Ottocento fu costruita presso il Lambro una cartiera. Altre attività industriali e artigianali sorsero nei settori del legno, del tessile e della meccanica. Nella frazione di Fornaci si era invece sviluppata una fiorente produzione di laterizi, che si giovava in parte delle locali cave di argilla; tale attività è oggi completamente abbandonata
 

    Da vedere:

   


Per quanto riguarda le ville storiche, si segnalano, in particolare la villa Annoni e la villa Trivulzio, a Capriano, e la villa Medici Giulini a Briosco. Quest’ultima è senza dubbio la villa storica più importante del  territorio. Costruita su una preesistente casa-forte, la villa si presenta con un edificio padronale a pianta quadrata, preceduto da due corpi minori. I due lati contigui, meridionale e orientale, sono caratterizzati da una loggia centrale colonnata, sormontata da una balconata barocchetta. Verso la corte si aprono altri due corpi minori simmetrici collegati da una cancellata. Cingono la villa un giardino e un parco visitabili su appuntamento; all’interno della villa è conservata una preziosa collezione di antichi strumenti a tastiera, anch’essa visitabile su appuntamento.

Di grande interesse storico-architettonico è anche la villa Annoni, a Capriano, costruita molto probabilmente tra la fine del Seicento e l’inizio del Settecento. Inglobata nell’edificio si trova anche una preziosa cappella gentilizia della prima metà del Settecento. Davanti alla villa, dove un tempo sorgeva il giardino all’italiana di pertinenza della villa stessa, che era preceduto da un imponente cancello in ferro battuto, è stata costruita in anni recenti una nuova piazza.

Di impianto neoclassico, sempre a Capriano, è la villa Trivulzio, costruita con una struttura a U aperta sulla strada pubblica e da questa separata da una cancellata. Sul lato opposto, si apre un ampio giardino la cui sistemazione paesaggistica risale probabilmente alla seconda metà dell’Ottocento. La villa è attualmente la residenza del conte Gerolamo Trivulzio Manzoni Caccia, che vi abita con la moglie Bianca Maria.

 

Tra le ville di recente costruzione merita un cenno la villa di proprietà della famiglia Rossini, nei pressi della Cascina Simonte, costruita nel 1986 su progetto dell’architetto Gianfranco Frattini, che l’ha concepita all’insegna di uno stretto rapporto col paesaggio circostante. La villa si distingue anche per una pregevole e rara raccolta di sculture moderne (Cascella, César, Consagra, Dietman, Mastroianni, Melotti, Negri, G. Pomodoro, Stahler, Turcato e altri) disposte ad arte nel parco privato. Sulla vasta area ciscostante la villa è stato operato un importante intervento di sistemazione paesaggistica, che ha visto impegnati architetti di fama internazionale, come l’americano James Wines.

 

Il Mulino di Peregallo

Sicuramente documentato fin dal 1402, il mulino di Peregallo di Briosco (Via dei Mulini, 4) è uno dei pochi rimasti funzionanti lungo l’intero corso del fiume Lambro. Inserito in un edificio rurale di antica costruzione, il mulino è meta di numerose visite, soprattutto da parte di scolaresche. Per le visite telefonare preventivamente alla Cooperativa Areté (0362-958275) o al sig. Paolo Ronchi (0362-95502).

 

La Parrocchia dei Santi Ambrogio e Vittore

La Parrocchia Santo Stefano a Capriano

La Parrocchia dell’Immacolata e Tre Fanciulli a Fornaci, recentemente accorpata alla parrocchia di Capriano.

Oltre alle tre chiese parrocchiali citate, vanno ricordate la chiesa di Santa Elisabetta a Briosco e l’Oratorio dei Morti a Capriano.

 

 

      Monumenti e Luoghi

 


Il Mulino di Peregallo
 


    Villa Medici 
 Foto del giardino

   


Villa Annoni


Manifestazioni

Falò della Gibiana: ultimo giovedì di gennaio a Briosco

Brioscofesta: giugno, lungo le vie e tra i cortili di Briosco

Sagra del pesce: fine giugno-inizio luglio presso la scuola materna di Briosco

Sagra degli uccelli: prima domenica di settembre a Fornaci

Capriano in piazza: ultima domenica di settembre a Capriano