F i e r a d i m i l a n o .i t






 

Popolazione: 4.524
(2001)
Indirizzo: via Roma 40
Cap: 20040
Telefono: 02/9596981


 

   
Il Comune di Caponago si estende su di una superficie pianeggiante attraversata dal torrente Molgora. L’ origine del Comune e’ antichissima e risale presumibilmente, come testimoniato dall’etimologia del nome "Caponiacum" all’epoca romana. In età medioevale e rinascimentale Caponago si caratterizza come un tipico "burgus" agricolo, mentre nel corso del 1800 hanno luogo uno sviluppo industriale e commerciale ed un discreto incremento demografico. Ancora oggi la presenza di numerose cascine sparse in tutto il territorio e l’esistenza di alcune aziende agricole segnano il profondo legame con l’origine agricola dell’insediamento, anche se, a partire dal secondo dopoguerra, l’attività produttiva è stata fortemente influenzata dalla nascita e dallo sviluppo di numerose industrie medio piccole.
 

    Da vedere:

    Chiesa di S. Giuliana

È il capolavoro dell'architetto Carlo Giuseppe Merlo. Il nucleo originario fu realizzato nel 1584 e dedicato a S. Giuliana vergine madre. Ulteriori ampliamenti sono stati realizzati nei secoli successivi. La chiesa viene affrescata nel 1895 dal pittore De Grada. La sua particolare pianta ellittica richiama precisi elementi dell'architettura germanica, e sottolinea la capacità dell'autore di adattarsi a uno spazio irregolare. C'è tutto il suo carattere: cultura puntualmente aggiornata e pragmatismo proprio dell'architettura lombarda.

Palazzo Caglio

È la più importante costruzione divile di Caponago. Prende il nome dai conti Caglio. Il palazzo passò poi, per matrimonio, ai conti Volta. È un significativo esempio di “Villa di Delizia” seicentesca

 

Villa Simonetta-Ardicini

Risale al '500. Nel 1584 vi soggiornò S. Carlo Borromeo. All'inizio dell'800 era una modesta abitazione rurale; diventò una villa in seguito a trasformazioni ed integrazioni avvenute nel corso di quel secolo


Palazzo comunale

Fu proprietà della famiglia Simonetta. Fu costruito nel tardo '700 con quadri ed aperture di gustò roccocò. Il palazzo è stato acquisito dal Comune nel 1962; fino al 1974 ha ospitato le scuole elementari


Chiesina San Giorgio


Edificio di culto dell'800. Trae origine dalla chiesa di San Giorgio del 1325, poi soppressa

 


Cappelletta di S. Vigilio

Situata in località campestre, durante la pestilenza del 1576 fu convertita in lazzaretto per gli appestati

 


Ospedaletto di via 4 Novembre

È una costruzione di inizio ‘900, uno dei primi edifici costruiti, in via sperimentale, interamente in calcestruzzo.

 


Parco del Molgora
È un Parco locale di interesse sovracomunale. È stato istituito nel 1985 con delibera di giunta regionale.
Superficie: 583 ettari nei territori di Agrate B., Burago M., Caponago, Carnate, Usmate Velate, Vimercate
Il Parco, a Nord-Est di Milano, si sviluppa per circa 16 km lungo il torrente Molgora: dai confini settentrionali (vicino al Parco regionale di Montevecchia ed alla Valle del Curone) fino al canale Villoresi.
È al centro di un sistema di aree protette che vede a nord il Parco di Montevecchia e della Valle del Curone, a Est il parco sovracomunale Rio Vallone, a Sud il Parco regionale agricolo-Sud Milano, a Ovest il Parco regioanle della Valle del Lambro.
Il territorio del Parco è in gran parte agricolo ad indirizzo cerealicolo.
Sono distinguibili nel Parco tre principali aree di interesse naturalistico:
- la valle della Molgoretta, a Nord di Usmate, interessata da superfici coltivate e da superfici boscate;
- la valle della Molgora, a Nord di Carnate, interessata dalla presenza di zone umide;
- l'agrosistema di Vimercate, interessante esempio di un sistema agricolo diversificato.

Il patrimonio architettonico del Parco è caratterizzato soprattutto da cascine, dimore rurali tipiche, ville signorili con parco, palazzi aristocratici con giardino e in minor misura da chiese, oratori privati, cappelle ed edifici monastici.


Ente gestore: consorzio formato dai Comuni sopra citati
Sede: municipio di Agrate Brianza (MI), piazza S. Paolo, 24
Telefono: 039 6051228
Fax: 039.6051254

Parco Europa

È un ampio spazio verde cittadino, dotato di giochi per bambini, panchine, pista ciclabile ed illuminazione. È stato inaugurato il 3 maggio 1999 ed è situato in via Europa

 

Parco Della Fortuna
È un ampio spazio verde cittadino, dotato di campo basket, tavoli da ping-pong, giochi per bambini, rampe per skate-board e panchine , E' stato inaugurato il 13 maggio 2003 ed è situato in via Giotto.
 

 

Manifestazioni
 

Mercato di via Panigada
Giorno di mercato: sabato mattina