F i e r a d i m i l a n o .i t






 

Popolazione: 16.665
Indirizzo: via Manzoni 7
Cap: 20062
Telefono: 0363/366011


 

   
Posto sulla riva destra dell'Adda, uno dei maggiori affluenti del Po, Cassano appartiene amministrativamente alla provincia di Milano, dal cui capoluogo dista circa 30km.

Il suo territorio è ricco di corsi d'acqua. A sud-est scorre la Muzza, uno tra i più importanti ed antichi canali d'irrigazione europea, scavato dai lodigiani fra il 1220 ed il 1230 per concessione Imperiale e che nasce proprio ai piedi del castello. Il Naviglio della Martesana ne delimita invece i confini settentrionali: iniziato nel 1457 ed inaugurato nel 1465 da Bianca Maria Sforza, questo grande canale ha costituito per secoli un importante mezzo di comunicazione fra il borgo cassanese e Milano. Un mezzo di scambi commerciali e culturali che influì decisamente sulla storia, l'economia, l'arte e lo sviluppo urbanistico: prova ne è la presenza di numerosi palazzi del XVIII° e XIX° secolo, residenze di ricche famiglie che dalla città ambrosiana si trasferivano a Cassano in villeggiatura.

Tra i più importanti personaggi storici che hanno soggiornato nella nostra cittadina si ricordano Napoleone nel 1796 in villa Brambilla e nel 1807 in villa Borromeo, Vittorio Emanuele II° e Napoleone III° di nuovo in villa Brambilla prima della battaglia di Solferino e S.Martino nel 1859.

La particolare posizione geografica, di elevata importanza strategica per il controllo del territorio circostante, ne fece uno scenario di numerose battaglie di cui abbiamo testimonianze: nel 1158 fra l'armata di Federico Barbarossa ed i milanesi, nel 1259 fra la lega guelfa ed i ghibellini capitanati da Ezzelino da Romano, nel 1705 fra gli Imperiali guidati dal principe Eugenio di Savoia contro le forze franco-ispaniche del duca di Vendome, nel 1799 fra le truppe napoleoniche e l'esercito austro-russo guidato dal gen. Suvorov.
 

       Da vedere:

   


Numerosi gli edifici di pregio architettonico o storico: il castello visconteo-sforzesco, i resti del "ricetto" medioevale, la villa Borromeo progettata dall' architetto Piermarini, villa Brambilla, villa Gabbioneta, villa Cornaggia-Medici, villa Mauri, casa Pasini, casa Rusca, casa Corsini, palazzo Berva, la torre quadrata del campanile del XIV° secolo, superstite dell'ex chiesa di S. Zeno fatta costruire da Beatrice della Scala moglie di Barnabò Visconti, la parrocchiale dell'Immacolata, S. Aquilino, S.Dionigi, S. Antonio, S. Ambrogio, Cristo Risorto e l'Annunciazione...
La rocca medioevale, una delle principali fortificazioni della catena difensiva milanese ad oriente, fu costruita a guardia e controllo del valico. Rimaneggiata dai Visconti nei secoli XIII° e XIV°, venne successivamente trasformata in fortezza dagli Sforza, dai veneziani, dagli spagnoli e dagli austriaci. Fu anche possedimento delle famiglie Dadda, Castaldo, Bonelli e Borromeo.
Il primo documento in cui viene citato il nome di Cassano è il Diploma di Carlomanno, risalente all'anno 887

 

    Da vedere:
 


Il Castello

Villa Borromeo

 


Villa Brambilla

Veduta


Manifestazioni

 

La Sagra
si tiene il 29 giugno a Cascine S. Pietro. Viene celebrata solennemente con una processione della statua del Santo ed un pranzo il cui piatto tipico è costituito dal risotto allo zafferano.