F i e r a d i m i l a n o .i t






 

.Popolazione: 15.759 (2001)
 Indirizzo: via Viquarterio 1
 Cap: 20090
 Telefono: 02/907881

   
Posizionato nel basso milanese lungo la Vigentina che collsa comprendeva sei piccole corti: Cassino Scanasio, Ponte Sesto, Quinto Stampi, Rozzano, Albega Milano con Pavia, il Comune deve il suo nome all’importanza, testimoniata da una pergamena del 851, ad una Pieve, cioè ad una Chiesa battesimale (l’attuale S. Alessandro). La Chiearate e Terricula. Parte integrante della Pieve erano un presbiteriato, in cui venivano istruiti i giovani al sacerdozio e gli alloggi per i sacerdoti.
 L’area fu coinvolta nelle vicissitudini del dominio feudale della Cattedrale di Monza e della Signoria dei Visconti. Con l’avvento dei Francesi si ebbe, nel 1499, la divisione del territorio in: Pieve di Locate (della famiglia Viscontea) e in Locate di Trivulzi (dominata dalla famiglia Trivulzio in nome dei francesi).
 Dopo la dominazione degli spagnoli, la famiglia D’Adda fece costruire, nel XVI sec., il castello di Tolcinasco che rappresenta oggi un esempio unico di castello agricolo nella Lombardia dell’epoca. Nel luglio del 1862 il governo del re Vittorio Emanuele permise ai comuni richiedenti di modificare il proprio nome, che il 24 luglio 1862 diventò così Pieve Emanuele
 

      Da vedere:

   
Chiesa di S.Alessandro.

 La Pieve era già officiata nel 852 da un arciprete che in seguito fu affiancato da una collegiata di canonici che esistette dal 1258 fino al XVII secolo. Alla. Oggi la parrocchiale si presenta molto rimaneggiata e ristrutturata arlo che ne richiese il  fine del 1300, al posto della primitiva chiesa battesimale dedicata a S.Alessandro, venne eretta una chiesa romanica rustica. Nel 1573 la Pieve fu visitata da S. Caimetrali di quella anticarilievo. La nuova Chiesa fu eretta lasciando quasi intatte le mura per seguito degli interventi effettuati nel secolo scorso. All’interno sono conservate le vestigia di San Carlo.
 
 Cascina Viquarterio.
 Sorta nel 1700, include la casa padronale e le abitazioni dei salariati.
 
 Cascina Pizzabrasa.
 Centro rurale molto attivo nel passato arrivò ad ospitare, nel 1805, 278 abitanti. È costituito   da due distinti insediamenti: il nucleo di sud-ovest a corte chiusa e quello di nord-est comprendente una chiesetta.
 
 Cascina di Sotto.
 La cascina risale prna doppia cortobabilmente alla prima metà del XVIII secolo ed è costituita da ue chiusa. Si segnalano all’interno dell’insediamento, un mulino con la ruota e gli ingranaggi ancora montati, un forno per il pane e una pompa d’acqua oggi non più in uso.
 
 Cascina di Pieve Centro.
 Risalente a metà ‘800 è attualmente sede di una azienda agricola
 

Manifestazioni

   La Primavera Pievese.
 Si tratta di una serie di interessanti manifestazioni culturali, sociali, sportive e musicali realizzate da aprile a giugno con il supporto delle varie associazioni locali sotto il Patrocinio del Comune.
 
 Festa patronale parrocchiale.
 Quarta domenica di settembre in commemorazione di S.Alessandro.
 
 Fiere.
25 aprile presso Piazza Puccini;
3 giugno in Via delle Rose;
1 luglio Festa dell’estate in Via dei Pini;
2 dicembre Fiera di Natale in Via Roma